Allergia al nichel come si manifesta e come curarla

Il nichel è un metallo pesante noto soprattutto per essere il componente principale di molti utensili o accessori di uso quotidiano, quali monete, bracciali e orecchini. Esso è, in realtà, elemento ubiquitario in natura, poiché è presente nell’aria, nell’acqua e, soprattutto, nel terreno ed è proprio da qui che poi molte specie vegetali lo assimilano prima di finire sulle nostre tavole.

Ne sono esempi pomodori, verdure a foglia larga (spinaci, lattuga, broccoli), mais, funghi, cacao e molti altri.

Per l’uomo, dunque, sono molteplici le vie di esposizione al nichel – vie aeree, cute e apparato gastrointestinale – e una notevole percentuale della popolazione mondiale che supera il 30% appare affetta da allergia a questo metallo.

Allergia al nichel come si manifesta

La sensibilità al nichel o, meglio, sindrome da allergia sistemica al nichel (SNAS) è una entità complessa dalle due facce.

La prima, la dermatite allergica da contatto (DAC), è la manifestazione più conosciuta, legata al contatto cutaneo con il metallo e viene diagnosticata mediante patch test cutaneo specifico.

Tali lesioni cutanee possono essere confinate alla zona di contatto o estendersi diffusamente, presentandosi anche dopo diverse ore. Nella maggior parte dei casi sono presenti eczema, eritema, edema, prurito.

Talvolta la comparsa di queste manifestazioni cutanee è estremamente urente e/o dolorosa.

La seconda manifestazione della sensibilità al nichel è la cosiddetta mucosite allergica da contatto al nichel (MAC), responsabile di un quadro clinico spesso sovrapponibile a quello della sindrome dell’intestino irritabile: gonfiore e dolore addominale, diarrea, stipsi, nausea.

Altrettanto frequenti sono le manifestazioni extra-intestinali, quali cefalea o mente annebbiata, dermatite, dolori articolari o muscolari.

La diagnosi è clinica, servendosi di patch test cutaneo al nichel o di un patch test della mucosa orale di recente introduzione, il quale pare incrementare notevolmente sensibilità e specificità.

La figura seguente mostra:

  1. la mucosa orale normale prima dell’applicazione del patch test mucosale orale al nichel;
  2. la comparsa di eritema, edema con una piccola ulcerazione dopo l’applicazione del patch test mucosale orale.
Patch test mucosite nichel

Come curare l’allergia al nichel

Allergia al nichel – cosa non mangiare

E’ estremamente difficile identificare in modo preciso gli alimenti (specialmente i vegetali) sconsigliabili in considerazione del loro contenuto di nichel, in quanto esso varia in base a concentrazione di nichel nel terreno di coltivazione, uso di fertilizzanti, materiale del contenitore per la conservazione, ecc…

La tabella seguente riporta i principali alimenti con stimato maggiore quantitativo di nichel medio:

Tabella – Alimenti ad elevato contenuto di Nichel

Categorie AlimentariAlimenti ad alto contenuto di Nichel
Prodotti itticiAringhe, sgombri, salmone, molluschi, tonno
Verdure e legumiLegumi freschi e secchi (ceci, lenticchie, arachidi, piselli, fagioli rossi, soia e prodotti a base di soia), aglio, verdura a foglia verde(spinaci), cipolla, carote crude, pomodori
FruttaFrutta fresca (fichi, ananas, prugne, lamponi e frutti di bosco, uva, uva passa), e secca (mandorle, nocciole, noci)
CerealiGrano saraceno, mais, miglio, avena, segale, cereali integrali, grano integrale
BevandeBirra, caffè, flusso d’acqua iniziale dal rubinetto (specialmente al mattino), vino rosso, tè
AltriLievito in polvere, cibi in scatola, cacao e cioccolato, cibi cucinati in utensili di acciaio inossidabile (sopratutto se alimenti acidi come i pomodori), gelatina, semi di lino, marzapane, integratori vitaminici contenuti Ni, liquirizia forte, semi di girasole

Il trattamento è basato su una dieta a basso contenuto di nichel, che pone attenzione non solo su qualità e quantità dei cibi “incriminati”, ma anche sul materiale dei contenitori di conservazione e cottura.

Ad ogni modo, per ovvi motivi, è impossibile seguire una dieta che sia totalmente priva di nichel in quanto questo metallo è ubiquitario e presente in quantità variabili negli alimenti.

Pertanto, è sempre raccomandabile affidarsi a specialisti del campo con esperienza in materia, di modo da poter seguire un piano dietetico appropriato e bilanciato.

Allergia al nichel – integratori e chelanti

Di recente sono in utilizzo anche dispositivi medici con capacità chelante (ovvero, in grado di “catturare” il nichel presente nell’intestino) o integratori in grado di ridurre l’infiammazione intestinale o ridurre i livelli di nichel circolante nel sangue.

Allergia al nichel – idrocolon terapia

Idrocolon in azione

Sta trovando spazio nel trattamento dell’allergia al nichel anche l’idrocolon terapia, che consiste in una serie di lavaggi prolungati del colon, luogo dove spesso si accumulano tossine e anche metalli pesanti quale il nichel.

Essendo la sensibilità al nichel una patologia capace di indurre una infiammazione di basso grado a livello intestinale e non solo, l’idrocolon terapia trova la sua raccomandabilità nei soggetti interessati proprio nell’accelerare e mantenere un controllo della sintomatologia gastrointestinale (gonfiore e dolore addominale, stipsi, diarrea, alvo alterno, nausea) ed extra-intestinale (cistite, candidosi), comprese le manifestazioni cutanee (eritemi, acne ed eczemi del volto in primis).

BIBLIOGRAFIA

Per maggiori informazioni potete contattare il Dott. Raffaele Borghini scrivendo nel form di contatto

    Autorizzo il trattamento dei dati personali secondo l’informativa resa ai sensi dell’art. 13 Dlgs. 196/2003 e dell’art. 13 del Reg. UE 679/2016, che dichiaro di aver letto e accettato.

    ©2019 - 2020 MedicinaPsicoBioIntegrata - Via G. Prina 6/12 00139 Roma - P. IVA 0904 504 1002