• Home
  • Bionutrizione
  • Mela annurca: il frutto a più alto contenuto di procianidina B2

Mela annurca: il frutto a più alto contenuto di procianidina B2

La formulazione nutraceutica di mela Annurca migliora l’espressione della cheratina in un modello umano di pelle e promuove la crescita e il trofismo dei capelli.

Diversi prodotti farmaceutici sono stati formulati negli ultimi decenni per il trattamento dell’alopecia maschile, femminile e della calvizie, ma sono stati pubblicati relativamente pochi dati sulla loro efficacia.

Per questi motivi, l’attenzione medica e farmaceutica si è recentemente concentrata sulla scoperta di rimedi nuovi e più sicuri.

In particolare, un grande interesse è stato suscitato dalla bioattività oligomerica della procianidina, in grado di promuovere la crescita delle cellule epiteliali dei capelli.

In particolare, la procianidina B2, un derivato dimerico estratto dalle mele, ha dimostrato essere uno dei composti naturali più efficaci e più sicuri nella promozione della crescita dei capelli, sia in vitro che nell’uomo, mediante applicazioni topiche.

Valutando il contenuto polifenolico di diverse varietà di mele, è stato recentemente trovato nei frutti di mela del cv Annurca (AFA), originario del Sud Italia, uno dei più alti contenuti di procianidine oligomeriche e, in particolare, della procianidina B2.

In un lavoro del gennaio del 2018 pubblicato sul Journal of medical Food è stata illustrata la bioattività in vitro dell’estratto polifenolico AFA come formulazione nutraceutica, denominata AppleMets (AMS), evidenziando i suoi effetti sull’espressione della cheratina cellulare in un modello sperimentale umano di pelle adulta.

Successivamente, testando gli effetti dell’AMS sulla crescita e il trofismo dei capelli in soggetti sani, sono stati osservati risultati significativi in termini di aumento della crescita dei capelli, densità e contenuto di cheratina, già dopo 2 mesi.

Questo studio dimostra per la prima volta l’impatto della procianidina B2 sulla biosintesi della cheratina in vitro, e mette in luce il suo effetto come nutraceutico sulla crescita e sul trofismo dei capelli umani.

AMS Δ (%) AMSbzs Δ (%)
Hair number/cm2
t0 16.4 ± 4.6 15.7 ± 4.8
t30 25.3 ± 4.8 +54.3 25.1 ± 4.4 +60.1
t60 35.8 ± 5.1 +118.3 35.3 ± 5.7 +125.2
Hair weight (mg)a
tt0 30.1 ± 8.1 29.6 ± 7.9
t30 36.1 ± 7.6 +20.1 37.2 ± 6.8 +25.7
t60 41.3 ± 8.5 +37.3 42.1 ± 7.9 +42.1
Keratin content (mg)b
t0 27.4 ± 6.4 26.9 ± 5.9
t30 32.4 ± 7.0 +18.4 33.2 ± 7.1 +23.5
t60 37.2 ± 6.9 +35.7 37.7 ± 6.7 +40.1

I polifenoli sono sempre stati antiossidanti essenziali della dieta umana.
Tra questi, le procianidine oligomeriche hanno anche mostrato effetti stimolanti della crescita dei capelli notevoli in vitro e in vivo, essendo in grado di promuovere la crescita delle cellule epiteliali dei capelli e l’induzione anafasica del ciclo dei capelli. In particolare, le procianidine B2 e B3 mostrano azioni protettive contro l’apoptosi nelle colture di cellule epiteliali dei capelli, limitando così l’induzione di catabolismo nel ciclo dei capelli.

Analizzando i risultati (Tabella 2), abbiamo rilevato che, in media, dopo 2 mesi, la crescita dei capelli , peso e contenuto di cheratina aumentati del 118,3%, 37,3% e 35,7%, rispettivamente.

Sorprendentemente, la coformulazione denominata AppleMetS Hair (AMSbzs), ottenuta aggiungendo al supplemento AMS la vitamina biotina e i minerali zinco e selenio, tre elementi ben noti per i loro effetti generali positivi su capelli e pelle (Reg. EU n. 1924 / 2006), ha portato il secondo sottogruppo di soggetti a risultati solo leggermente più alti in termini di crescita dei capelli, peso e contenuto di cheratina (Tabella 2), indicando chiaramente per AMS un ruolo importante nel promuovere la crescita dei capelli e il trofismo.

Nonostante il piccolo numero di soggetti e il breve periodo durante il quale è stato condotto il trial, abbiamo osservato una tendenza chiara e risultati significativi per entrambi gli integratori in ciascun sottogruppo, che sono stati rivelati da alcune analisi statistiche verso una maggiore crescita e densità dei capelli (Tabella 2) .

Alcuni studi clinici hanno ampiamente dimostrato gli effetti positivi della procianidina B2, una maggiore procianidina dimerica che si verifica nelle mele.

In realtà, questi studi hanno esaminato esclusivamente i potenziali benefici delle applicazioni topiche della procianidina B2 sotto forma di soluzioni alcoliche in miscela con altri componenti bioattivi. Kamimura e Takahashi hanno riportato gli effetti dell’1% di tonico procianidin B2 sulla crescita dei capelli umani dopo uso sequenziale per 6 mesi.

È stato eseguito un test clinico in doppio cieco con un totale di 29 soggetti di sesso maschile.
È stato osservato un aumento di 6,7 peli totali / 0,25 cm2 dopo 6 mesi di terapia con procianidina.

Gli stessi effetti sono stati riportati con minoxidil e finasteride (un inibitore della 5a-riduttasi di tipo II, Merck) terapia per alopecia androgenetica.

Nel trattamento con minoxidil al 2%, è stato segnalato un aumento di 250 capelli totali / 5,1 cm2 (calcolati come 12,3 capelli totali / 0,25 cm2) dopo 12 mesi di terapia.

Nel trattamento con finasteride (1 mg / die, somministrazione orale), è stato segnalato un aumento di 86 peli totali / 5,1 cm2 (calcolati come 4,22 peli totali / 0,25 cm2) dopo 12 mesi di terapia.

Il livello di efficacia dell’1% di procianidina B2 si è dimostrato positivo nel confronto con la terapia con minoxidil e finasteride.

Per quanto riguarda le procianidine sono state dimostrate, nelle cellule epiteliali murine, sia le procianidine B2 che B3 , in grado di aumentare la fase di crescita anafasica all’interno del ciclo pilifero mediante la loro azione protettiva sull’apoptosi cellulare indotta dal fattore di crescita trasformante le citochine androgeno-inducibile ( TGF) β1 e β2, che normalmente causa un blocco del ciclo cellulare a favore dei processi di differenziazione e quindi dovrebbe indurre catabolismo nel follicolo pilifero.

Allo stesso modo, le procianidine hanno mostato un effetto bio-intensivo nel promuovere la crescita delle cellule epiteliali dei capelli in modelli murini in vivo, portando ad una maggiore densità dei capelli e formazione dei capelli terminali.

Infatti, l’aggiunta di TGF-β1 o TGF-β2 a cellule epiteliali murine di capelli in coltura, diminuisce la crescita cellulare in maniera dipendente aumentando apoptosi attraverso la rete di caspasi intrinseca, mentre l’aggiunta concomitante di procianidina B2 al terreno di coltura ha neutralizzato entrambi gli effetti di TGF-β1 e TGF-β2, proteggendo le cellule dall’attivazione del pathway apoptotico.

È interessante notare che Kamimura et al. ha anche dimostrato che la procianidina B2 sovraregge l’espressione della chinasi MAPK / ERK (MEK-1/2) nelle cellule epiteliali dei capelli, nonché la loro attivazione. MEK è un membro della cascata di segnalazione MAPK che è generalmente attivata dai mitogeni, e quindi quando il MEK viene inibito, la proliferazione cellulare viene bloccata e l’apoptosi è indotta.

Non sorprende che componenti del pathway MAPK / ERK scoperti principalmente in cellule tumorali, in cui i farmaci sono in grado di invertire l’interruttore “on” in “off”, siano attualmente indagati come chemioterapici del cancro.

Tuttavia, non è ancora chiaro se questi due suggerimenti siano correlati e specialmente se le procianidine siano in grado di interagire con i recettori di membrana cellulare distinti coinvolti nelle vie di segnalazione MAPK / ERK e / o di interferire direttamente con questo cascata di proteine intracellulari.

Durante la crescita e la proliferazione dei capelli, diverse citocheratine espresse da cellule epiteliali orchestrano l’assemblaggio di IF tipici, che contribuiscono in comune con le proteine associate alla cheratina (KAPs) nella produzione del fusto del capello nel processo di cheratinizzazione della fibra capillare.

In conclusione, la calvizia maschile e femminile è una condizione molto comune che colpisce circa il 50% della popolazione adulta e potenzialmente ha un impatto negativo significativo sulla qualità della vita.

I risultati di questo studio clinico, in combinazione con prove in vitro di aumento del contenuto di cheratina cellulare, forniscono un forte supporto che un integratore alimentare che agisce da nutraceutico e basato su un estratto naturale di AFA contenente B2 di procianidina può effettivamente promuovere la crescita dei capelli e migliorare la qualità della pelle aumentando contemporaneamente densità, peso e contenuto di cheratina.

Sono in corso ulteriori studi per chiarire meglio le basi molecolari degli effetti promozionali della crescita procianidina a livello cutaneo, concentrandosi sia sulla regolazione dell’omeostasi cellulare che sul ruolo funzionale svolto dalle cheratine indotte selettivamente attraverso l’integrazione nutraceutica.

Mela annurca e ricrescita dei capelli prima e dopo

Alcuni esempi di soggetti (1,2,3: maschi; 4: donne) che hanno assunto due capsule / giorno di integratore di AMSbz per 60 giorni (a: T0; b: T60).

Per maggiori informazioni potete contattare il Dott. Giovanni Borghini scrivendo nel form di contatto

    Autorizzo il trattamento dei dati personali secondo l’informativa resa ai sensi dell’art. 13 Dlgs. 196/2003 e dell’art. 13 del Reg. UE 679/2016, che dichiaro di aver letto e accettato.

    ©2019 - 2020 MedicinaPsicoBioIntegrata - Via G. Prina 6/12 00139 Roma - P. IVA 0904 504 1002